]..."In un panorama nel quale i soggetti sono disseminati in comunità diverse per lingua, storia e cultura, l'esigenza della traduzione si manifesta nello spazio pubblico"...[

domenica 7 luglio 2013

[ Un 'posticino' anche per me! ]

Questa è la mini-storia di un organismo esosomatico in cerca di dimora dove per poco tempo si rifugerà o sosterà, fino a quando il suo "padroncino" deciderà di portarlo fuori a "fare pipì". 
[ Tutto ebbe inizio nell'800, quando una stirpe di uomini britannici scoprirono che era possibile auto-trasportarsi con gli organismi esosomatici, cioè spostarsi senza nessun sacrificio fisico da un posto ad un altro. Immaginate quindi la felicità dei padroncini!! Da lì ai giorni che seguirono milioni e milioni di padroncini portarono in giro  il loro organismo esosomatico. Finalmente si poteva andare in tre, quattro, cinque.. e così via. Fin quando un giorno il numero aumentò così tanto che per ognuno sorse l'esigenza e la voglia di diventare padroncini del proprio organismo esosomatico. Felicità, bellezza, soldi, futuro, tecnologia -   e ripeto! - futuro. 
Ebbene si!! il futuro era magia, era speranza di trovare un organismo esosomatico che lo soddisfaceva in tutto e per tutti i suoi viaggi e spostamenti. Ma come tutte le cose belle ci sono anche le brutte. Purtroppo la libertà è strettamente legata alla sicurezza, nel nostro caso bisognava essere sicuri di trovare un posto sicuro sia per padroncino che per il "nostro" organismo esosomatico, ed è lì che scattò un'insensata ossessione del POSTICINO: "dove lo metto?", dove la metto!, "oddio arrivo in ritardo a lavoro"!, mamma che traffico!!.. Insomma!! un'insostenibile ripetizione di programma quotidiano che sarà destinato a ripetersi.. e ripetersi per i giorni a seguire. Esistono ancora città che purtroppo non hanno ancora trovato "UN POSTICINO PER TUTTI". 
Questa possiamo definirla la triste fine della mini-storia. Credo però fortemente nel futuro e nel Pro-pri-pru-Gresso che ci semplifica la vita, ma per fare questo bisognerebbe anche godersi la propria libertà cominciando a farsi auto-trasportare da organismi esosomatici PUBBLICI, e perchè no!! Anche da un simpatico mezzo chiamato bicicletta, inventato da un'altra stirpe molto evoluta di cui (aimè!!) non abbiamo più tracce!!  Fornendosi fin dall'inizio di tronchesi e antifurto che di sicuro ci renderanno quella parte di giornata sicura e libera. ]  Arch. G.L. Mendola

Nessun commento: